• 4 min

Terzo trimestre di gravidanza, il grande giorno è sempre più vicino!

Stai vivendo tante emozioni, una su tutte il desiderio di conoscere il tuo bambino e poterlo stringere tra le braccia.

In questo periodo ci sono poi anche tante cose da fare, tra le visite e gli esami di controllo, l’organizzazione della cameretta e gli acquisti di tutto l’occorrente per il neonato, dai pannolini al passeggino. E questo è anche il momento di pensare alla borsa per il parto.

Quando preparare la borsa per il parto

All’inizio della gravidanza il ginecologo/a ti ha comunicato la data presunta della nascita, ma il tuo piccolo potrebbe decidere di venire al mondo qualche giorno prima oppure dopo il termine.

Per essere pronta a ogni evenienza occorre dunque preparare per tempo la borsa per il parto con tutto quello che potrebbe servire a te e al tuo bambino durante i giorni di ricovero in ospedale. C’è chi preferisce avere pronta la valigia già dal settimo mese, chi invece si organizza più tardi; il nostro consiglio è di preparare tutto il necessario entro la 36esima settimana di gestazione.

Cosa mettere nella borsa per il parto per la mamma

Il ricovero in ospedale potrebbe avvenire da un momento all’altro oppure potrebbe essere programmato in caso di cesareo o parto indotto. In ogni caso, per la mamma gli indispensabili da mettere in valigia sono:

  • Una camicia da notte per il parto. Porta una camicia da notte comoda che puoi indossare al momento del parto, meglio se aperta sul davanti così da favorire da subito il contatto con il neonato.

  • Assorbenti post-parto. Si tratta di assorbenti molto più grandi di quelli che si usano durante il ciclo mestruale, adatti a contenere le perdite molto abbondanti che caratterizzano i primi giorni dopo il parto.

  • Mutande di rete. Sono pratici e comodi slip che supportano gli assorbenti post parto. In commercio ne esistono di diverse taglie, nella tipologia usa e getta oppure lavabili.

  • Camicie da notte e pigiami. In media, la degenza post parto dura tre giorni, dunque calcolate un numero di cambi adeguato considerando che potrebbero facilmente sporcarsi con le perdite di sangue o di latte. Anche in questo caso è meglio preferire camicie e pigiami con i bottoncini davanti, comodi per l’allattamento. Anche una vestaglia può essere utile per quando ti alzi dal letto.

  • Reggiseni per l’allattamento. Sono speciali reggiseni con l’apertura sulla coppa che scopre il capezzolo.

  • Coppette assorbilatte. Possono essere utili per contenere le perdite di latte e non macchiare i vestiti. Ne esistono usa e getta o lavabili in cotone.

  • Prodotti per la pulizia e cura del seno. Prima della poppata è sufficiente lavare il seno con acqua tiepida, ma se preferisci puoi portare con te un detergente specifico o le salviettine disinfettanti per il seno.

  • Crema lenitiva per capezzoli. Per molte neo-mamme durante i primi giorni di allattamento è comune soffrire di dolore ai capezzoli. Una crema alla lanolina, per esempio, da sollievo alla pelle irritata e la mantiene idratata.

Ricordati di mettere in valigia poi:

  • calze e ciabatte

  • asciugamani

  • il beauty con il necessario per l'igiene personale quotidiana (sapone, spazzolino, deodorante, etc,) pensando magari anche a delle pratiche salviettine umidificate usa e getta.

Non dimenticare i documenti!

Come documentazione per il ricovero in ospedale occorre portare:

  • la cartella della gravidanza contenente tutti gli esami effettuati

  • la carta d’identità

  • la tessera sanitaria con il codice fiscale.

Il consiglio è poi di avere sempre una penna a portata di mano per compilare e firmare i vari documenti che l’ospedale ti sottoporrà dopo il parto.

Partorire ai tempi del Covid

In questo momento di emergenza sanitaria in cui, ahimè, non sono concesse troppe visite durante la degenza e il cellulare diventa molto utile per comunicare con il tuo compagno, i parenti e gli amici. Ricordati il carica batterie! Per il resto meglio non portare con te altri oggetti di valore. Per proteggerti dal contagio da Covid-19, ti devi ricordare di infilare nella borsa per il parto le mascherine di protezione che dovrai indossare durante il ricovero specialmente quando sarai a contatto con il personale sanitario. Anche un tubetto di gel igienizzante potrebbe esserti utile.

Cosa mettere nella borsa per il parto per il neonato

La prima cosa di cui avrà bisogno il tuo bambino appena nato saranno il tuo abbraccio e i tuoi baci. Subito dopo cercherà il tuo seno. E per tutto questo non serve preparare niente.

Per quanto riguarda i bisogni pratici, invece, per il nuovo arrivato dovrai preparare:

  • pannolini taglia newborn

  • tutine e completini nascita

  • body

  • calzine

  • bavaglini

  • un cappellino

  • un golfino

  • salviettine umidificate per il cambio

  • pasta protettiva

  • un sapone adatto alla pelle dei neonati

  • asciugamani morbidi

A seconda della stagione in cui partorirai, sceglierai tutine a maniche corte o a maniche lunghe, in cotone o in ciniglia. Prevedi qualche cambio in più perché i vestiti possono sporcarsi con le fuoriuscite dal pannolino o con i piccoli rigurgiti. Puoi mettere tutto il necessario per il cambio quotidiano in pratici sacchetti di stoffa che puoi confezionare tu stessa o in bustine di plastica che puoi trovare in vendita online o nei negozi specializzati. Così potrai trovare facilmente tutto il necessario, soprattutto quando capiterà che non sarai tu a cambiare il tuo bambino, ma lo farà il personale sanitario.

Ora che è tutto pronto non resta che aspettare e fare il conto alla rovescia: meno quattro settimane, meno tre, meno due…

Potrebbero piacerti anche questi articoli

Allattamento: le posizioni base Artboard Copy 4 Created with Sketch.

Allattamento: le posizioni base

I neonati vengono generalmente allattati al seno dalle 8 alle 12 volte al giorno. Tante ore, vero? Adottare una buona ...

  • 4 min
Nascita & primi giorni
Scegliere il nome per il bambino: i nostri consigli Artboard Copy 2 Created with Sketch.

Scegliere il nome per il bambino: i nostri consigli

Durante la gravidanza, la maggior parte dei genitori in attesa si pone una domanda di base: “Come chiameremo nostro ...

  • 3 min
Gravidanza