Work life balance: conciliare famiglia e lavoro è difficile, ma non impossibile!

Come fare se si lavora tanto ma si ha anche il piacere di dedicarsi al proprio bambino? Ecco i nostri consigli

Il work life balance, ovvero il giusto equilibrio tra famiglia, casa e lavoro, rappresenta una delle sfide più difficili per una mamma. Spesso infatti le mamme di oggi camminano sul filo della carriera lavorativa e della “carriera” da genitore e vivono le giornate come delle equilibriste provette. E se si presenta la possibilità di una nuova opportunità lavorativa, magari impegnativa? Purtroppo spesso i carichi di lavoro, la carriera e l’ambizione professionale sembrano entrare in conflitto con la cura della famiglia.

A volte le aziende chiedono tanto, senza lasciare spazio alla vita personale, altre volte manca una rete parentale di supporto e i welfare aziendali sono nulli o ridotti all'osso. In questo scenario le mamme devono anche fare orecchie da mercante verso chi le giudica perché non si dedicano anima e corpo alla famiglia. Per fortuna, una soluzione c'è; anzi, più di una.

  • La prima: rispondere con un bel sorriso a chi mette il becco sulle decisioni vostre e della vostra famiglia.

  • La seconda: passare del tempo di qualità con il proprio bambino.

Dedicare tempo al proprio bambino

Al mattino suona la sveglia, vai fare colazione al tuo piccolo esploratore mentre ti lavi i denti e poi cerchi di vestirti con una mano sola. Prendi il tuo piccolo e ti lanci fuori casa come se avessi il mantello di Superman. Lo porti all'asilo, ti fiondi al lavoro e tra una scartoffia e l'altra si fanno le 18 (a dir bene). Ti rifiondi fuori dall'ufficio, corri a prendere il tuo bambino, fate di nuovo ritorno a casa, e poi c'è da preparare la cena. Nel frattempo lui ha buttato in giro tutti i giochi e tu provi, tra una girata di sugo e una richiesta di attenzioni, a dividerti in due. Torna anche il partner, vi mettete a tavola e praticamente è già finita la giornata. Ti rivedi in questa situazione? Non sei certo la sola.

Prova i pannolini e le salviettine LILLYDOO gratis!

Scopri i nostri pannolini ideali per pelli sensibili, morbidi e super assorbenti. E non è tutto! Il pacchetto prova contiene anche le salviettine umidificate al 99% acqua.

Noi ti regaliamo i prodotti, tu paghi solo le spese di spedizione.

Ma leggendola, forse, ti sarai resa conto che c'è qualcosa che non va: non hai il tempo necessario per stare insieme al tuo piccolo esploratore.

Come fare? Ecco qualche consiglio.

  1. Chiedi aiuto alla famiglia: Wonder woman è un personaggio di fantasia, non esiste e, no, non sei tu. Se vuoi cercare di prenderti del tempo per stare con il tuo bambino devi chiedere aiuto. Ai nonni o gli zii magari, ma anche al partner. Con l'aiuto di qualcuno, che può magari preparare la cena al posto tuo, può occuparsi di andare a prendere il piccolo all'asilo mentre ti fai una doccia riuscirai a recuperare un po' di tempo per stare con il tuo piccolo esploratore.

  2. Organizzati: con una buona organizzazione riuscirai a recuperare tanto tempo. Per esempio, puoi: la sera preparare i tuoi e i suoi vestiti per la mattina dopo; apparecchiare per la colazione la sera prima; preparare i pasti per la settimana, invece di ritrovarti la sera alle 19 a pensare a che cosa cucinare, prepara tante porzioni di piatti diversi e congelale per la settimana a venire. In questo modo non dovrai fare altro che riscaldarle quando tornerai a casa tardi la sera, ma non per questo dovrai rinunciare a mangiare qualcosa di buono e sano. Nei momenti di difficoltà, poi, il take away e il delivery ti salvano sempre!

  3. Non perdere tempo: le pause caffè al lavoro ci vogliono per recuperare le forze, però non bisogna esagerare con le chiacchiere tra colleghi, o si perde tempo prezioso. Il tempo per le chiacchiere è da riservare nei momenti di tranquillità e nei week-end.

  4. Gestisci bene il tempo, quello a casa e quello al lavoro. Anche sul lavoro è importante organizzarsi al meglio per non perdere tempo prezioso. Inoltre, una buona idea è gestire anche il tempo al lavoro in relazione a quello del partner. Se, per esempio, tutti e due siete in carriera e facilmente fate tardi la sera, potete decidere che chi porta il piccolo esploratore la mattina all'asilo può fare più tardi la sera. Oppure, fate gli straordinari a giorni alterni. Certamente non sempre è possibile sceglire, ma se ce ne fosse la possibilità potreste alternarvi in modo da trascorrere tutti e due un po' di tempo con il vostro piccolo.

Mettendo in pratica questi consigli, riuscirai a recuperare del tempo prezioso da trascorrere insieme al tuo bambino.

Prova adesso l'app LILLYDOO

Gestisci in modo flessibile il tuo abbonamento LILLYDOO , trova informazioni e articoli su misura per te; inoltre scopri i fantastici fai da te e disegni da colorare adatti all'età del tuo bambino.

I giochi da fare insieme

Dopo una giornata intensa, si sa, l'unica cosa di cui si avrebbe voglia sarebbe un po' di cibo a domicilio e tanto riposo sul divano. Con i bambini, però, solitamente questa non è un'opzione percorribile. Loro hanno voglia di giocare, di fare le coccole e di godersi mamma e papà. Che fare allora? Bisogna con astuzia scegliere giochi che possano divertire il vostro piccolo esploratore e non far consumare troppe energie a voi.

Eccone qualcuno:

  1. Disegnare o colorare: poco sforzo, tanta fantasia!

  2. Le letture: leggere i libri è un doppio piacere, si impara e nel frattempo si fanno le coccole! Che cosa chiedere di più?

  3. Le costruzioni: per bimbi un po' più grandicelli, sono l'ideale. Non richiedono un grande sforzo da parte dei genitori stanchi ma sono impegnative e creative per i piccolini.

  4. Giocare con lo scolapasta: anche i più piccolini possono divertirsi a infilare gli spaghetti secchi nei buchi del colapasta. È un esercizio che aiuta a sviluppare il tatto, la concentrazione e insegna ai bambini a prendere confidenza con il cibo.

  5. Aiutare con la preparazione della cena! Se i bambini più piccolini possono rimanere a guardare la mamma che prepara seduti nel seggiolone, i grandicelli con l'aiuto di una torre montessoriana possono aiutare mamma a lavare le verdure, a pesare la pasta o il riso e, perché no, magari preparare una bella torta per la colazione del giorno dopo. Sarà senz'altro dolcissima!

E il tempo per se stessa, la mamma, dove lo trova?

Trovare del tempo da dedicare a se stessi è un'altra grande impresa. Difficile, ma non impossibile. Anche in questo caso, provate a chiedere aiuto ai nonni, a una tata o a qualche altro membro della famiglia, che possa magari tenervi il piccolo mentre fate una passeggiata o una corsa o anche solo un bagno rilassante. Anche il partner in questo senso può darvi il cambio e poi una volta a nanna il vostro piccolo esploratore, il tempo è tutto per voi!

Potrebbero piacerti anche questi articoli

Bimbi e genitori: come gestire l'ansia da separazione Artboard Copy 3 Created with Sketch.

Bimbi e genitori: come gestire l'ansia da separazione

Ogni volta che devi lasciare il tuo piccolo da solo, che sia con la nonna, all'asilo o al momento della nanna , fa i ...

  • 3 min
Tu e il tuo bambino
Cucinare per il tuo bambino: dallo svezzamento in poi Artboard Copy 3 Created with Sketch.

Cucinare per il tuo bambino: dallo svezzamento in poi

Sicuramente ti chiederai: "Ma a 4 mesi, il mio bambino cosa può mangiare?" o "Deve iniziare da pappine liquide o può già ...

  • 3 min
Tu e il tuo bambino
Non dormo più: consigli per i genitori privati del sonno Artboard Copy 3 Created with Sketch.

Non dormo più: consigli per i genitori privati del sonno

Il riposo è fondamentale, come anche la routine per il bambino. “Dormi adesso che poi vedrai…”: è una delle frasi che ...

  • 3 min
Tu e il tuo bambino